Stampa

La sperimentazione agronomica

Ogni attività produttiva, quindi anche quella agronomica, per poter essere al passo con i tempi, deve avvalersi di una sperimentazione effettuata direttamente negli areali di coltivazione e suddivisa in tre aree:

  • Area 1: riguarda le prove varietali che vengono condotte sulle colture del pisello, mais dolce, fagiolino, borlotto e pomodoro. L’obiettivo di queste prove è di permettere ai responsabili di settore e al loro staff di valutare i vari materiali, in funzione delle esigenze industriali. Ogni sperimentazione deve essere volta a un obiettivo ben preciso. Nel caso del pomodoro, a seguito della maggior richiesta di prodotti come polpe e passate, nel 2014 è iniziato il Progetto “valutazione resa in polpa” sulla scelta di varietà più idonee. Nei settori orticolo e pomodoro la ricerca varietale è sempre più mirata, per ottenere le cultivar più adatte alle singole destinazioni.

  • Area 2: riguarda le prove agronomiche. Sono stati eseguiti dei test su nuovi insetticidi nel settore orticolo e del pomodoro, che hanno evidenziato una elevata efficacia ed un impatto molto limitato sull’ambiente e gli insetti utili.
  • Per quando riguarda la tecnica di coltivazione, sul pomodoro, sono state effettuate prove di fertirrigazione, con l’obiettivo di contenere l’utilizzo di acqua e di fertilizzanti, al fine di ottenere un prodotto più sostenibile.

  • Area 3: nuove coltivazioni per il Progetto “Italianità”. Nel 2013 l’azienda ha iniziato a investire, oltre che sulla coltivazione del cece, anche su altri legumi quali borlotti e cannellini, tutti da secco, con l’obiettivo di proporre tali coltivazioni su ampia scala. Per far ciò è fondamentale un’attenta sperimentazione agronomica riguardo non solo la tecnica agronomica, ma anche la metodologia di raccolta del prodotto. Per quanto riguarda le specie frutticole, è terminata la sperimentazione sulle varietà di pesche percoche destinate alla trasformazione in sciroppi. Tale attività ha permesso lo sviluppo e la programmazione d’impianti dedicati al nuovo progetto già in fase di realizzazione. È in corso la sperimentazione sulla coltivazione di albicocche per la ricerca di varietà idonee alla trasformazione industriale in succhi di frutta. L’attività è svolta presso due campi sperimentali dove sono osservate decine di varietà e presso alcuni produttori della base sociale dove vengono studiate le migliori tecniche colturali volte alla riduzione dei costi di produzione.

Consumatori

Conserve Italia mette a disposizione parte delle sue risorse per rispondere in modo veloce e coerente alle tue domande e ai tuoi dubbi. Puoi contattarci al numero verde gratuito 800 885030.

ENTRA


Conserve Italia su YouTube

Guarda i video istituzionali, le interviste e le campagne pubblicitarie pubblicate sul nostro Canale YouTube.

YouTube-ico

SEGUICI

Programma di Sviluppo Rurale

Conserve Italia partecipa ad una iniziativa realizzata nell’ambito del Programma regionale di sviluppo rurale 2014 - 2020 (FEASR).

Mis.16.1
VA.PO.RE
Mis.16.1
Agricoltura di precisione

Mis.16.2 2017
Mis.16.2 2022

Mis.4.2.01 2017 Mis.4.2.01 2022

Contratto di Filiera V Bando

Conserve Italia partecipa con un progetto di ricerca agronomica realizzata nell’ambito del V Bando di Filiera Nazionale del MASAF, Avviso prot. n. 182458 del 22 aprile.

Progetto di Ricerca


Contratto di Sviluppo 2022

Conserve Italia partecipa con un progetto di investimenti al PNRR di cui al decreto ministeriale del 13 gennaio 2022 - M1C2- I5.2 “Competitività e resilienza delle filiere produttive”.

Progetto CDS