Stampa

Pisello

Gestione fitosanitaria

Al fine di ottimizzare l’uso dei prodotti fitosanitari per la gestione delle infezioni da peronospora, evitare trattamenti calendarizzati ma verificare l’effettivo rischio di infezione tramite i bollettini resi disponibili giornalmente al link: http://conserveitalia2019.uni-box.it/pdf/.
I bollettini presentano sia una mappa del rischio di infezione complessivo a livello regionale, sia grafici specifici per ogni comune, con l’andamento del rischio di infezione nel periodo riferito a ±2 giorni rispetto alla data di emissione del bollettino (vedi Allegato A). Al fine di aumentare la fruibilità del servizio, nel corso del 2020 il servizio verrà reso disponibile tramite smartphone.


Adattamento ai cambiamenti climatici nel medio termine

Per le varietà maggiormente utilizzate negli areali di produzione, i risultati dello studio indicano come un anticipo della finestra di semina (circa 15 giorni) risulti vantaggioso al fine di evitare la fase di riempimento della granella nei mesi di massimo incremento termico (giugno e luglio in particolare, vedi Allegato B).

Inoltre, l’analisi ha evidenziato come la scelta di varietà migliorate per tratti legati alla fenologia sia una strategia importante per garantire la produttività del pisello da industria anche negli scenari di cambiamento climatico. In particolare, risulta particolarmente vantaggiosa la scelta di varietà che presentino una richiesta di tempo termico per raggiungere la fioritura più contenuto, che si traduce in una fioritura e inizio riempimento della granella anticipati. Ciò consente di evitare l’occorrenza della fioritura e della formazione dei frutti in concomitanza degli incrementi termici più pronunciati (vedi Allegato B).

La necessità di anticipare l’inizio della fase riproduttiva rende importante (soprattutto per le semine precoci) anche una tolleranza al gelo maggiore e un inizio dello sviluppo rapido della copertura vegetale leggermente posticipato, così da evitare temperature sub-ottimali per la crescita della coltura nel momento di massimo sviluppo vegetativo.

Riassumendo:

  • Prevedere un anticipo della finestra di semina (15 giorni) per evitare gli incrementi termici più pronunciati durante il riempimento della granella;
  • Adottare varietà più adatte rispetto al contesto climatico atteso, ovvero caratterizzate da:
    - Fioritura precoce
    - Maggiore tolleranza alle basse temperature