• Italian
  • English
Sei in:Home » Prodotti e Filiera » Il Pomodoro » Le aree di produzione
Home
Il Gruppo
Prodotti e Filiera
I Marchi Men
News
Contatti
Concorsi
Materie Prime
Pubblicità
Pubblicità
Le aree di produzione

L’Italia presenta vaste aree particolarmente idonee alla coltivazione del pomodoro, bacca che assume il suo caratteristico colore rosso solo nei climi temperati.
Può apparire curioso, ma in Africa i pomodori sono bianchi, perché le temperature troppo elevate non consentono la formazione del “licopene”, vale a dire del pigmento che conferisce al pomodoro la tipica intensa colorazione rossa a cui siamo abituati.

Il Licopene è anche un potente antiossidante (www.lycocard.com) naturale, presente in misura maggiore nel pomodoro conservato rispetto a quello fresco, e che è stato recentemente rivalutato dai nutrizionisti proprio per questa sua peculiarità (www.tomatoandhealth.com).

La aree di coltivazione scelte da Conserve Italia tengono conto della vocazione specifica delle diverse aree di coltivazione in funzione del clima e dei terreni. Viene inoltre prestata particolare attenzione nella scelta delle varietà in considerazione delle caratteristiche organolettiche delle bacche, della consistenza della polpa, del colore, del contenuto in zuccheri, dell’acidità del succo, della resistenza alle malattie delle piante e delle bacche.

A queste scelte ha corrisposto anche una politica industriale che ha fatto sì che gli stabilimenti di trasformazione siano tutti collocati al centro o in prossimità delle maggiori aree di coltivazione, ubicazione che consente una forte riduzione dei tempi di trasporto e di attesa prima della lavorazione.

Le principali aree di coltivazione di Conserve Italia si trovano nelle province di Ferrara, Modena, in tutta la Romagna, nella Maremma laziale, nel Salento, in Basilicata e nelle province di Parma e Foggia.

La campagna di raccolta si sviluppa normalmente dal 20/25 luglio al 15 settembre e dura circa 40 giorni nel Centro-Nord e 50 giorni nel Sud.
All’arrivo in stabilimento, i carichi di pomodoro, trasportati su camion in bins e maxi bins, vengono esaminati con sistemi automatici di valutazione che classificano il prodotto in base all'idoneità alla trasformazione, al grado zuccherino, all'acidità ed al calore, indirizzandolo alle diverse linee di prodotto in funzione delle caratteristiche che si desidera valorizzare.

Conserve Italia - Il pomodoro

 

Conserve Italia - Solo pomodoro italiano

L’abbinamento fra le varietà di pomodoro selezionate, i terreni più idonei alla coltivazione e le condizioni climatiche, costituiscono la prima garanzia di alta qualità della materia prima valorizzata da sistemi di lavorazione che ne salvaguardano le caratteristiche alimentari ed il gusto tipico del “Paese del sole”. 

Dal 2005 tutto Conserve Italia certifica tutti i suoi prodotti a base di pomodoro, commercializzati con i marchi Cirio, De Rica e Valfrutta, per la provenienza della materia prima che è esclusivamente italiana ed appone sulle confezioni il bollino con la dicitura “solo pomodoro italiano”.

All’ingresso in stabilimento tutti i  pomodori subiscono una prima fase di preparazione, che è comune a tutte le destinazioni produttive. Questa è costituita dal lavaggio in acqua corrente e dalla cernita che può essere manuale o meccanica, realizzata mediante cernitrici elettroniche a tecnologia ottica, che eliminano le bacche difettose, verdi o troppo mature.

I bacini di produzione

Conserve Italia - I bacini di produzione del pomodoro in Italia

 
Pros. >